Fabbrica di scala multi-Gigawatt: il segreto per la ripresa del fotovoltaico

Contro la crisi e per un mercato fotovoltaico europeo in grado di rispondere alle sfide future, un Consorzio sta lavorando a un nuovo concetto di produzione: la fabbrica di scala multi-gigawatt, che restituirà competitività e darà nuova linfa al settore

Fabbrica di Scala Multi-Gigawatt

FABBRICA DI SCALA MULTI-GIGAWATT — Per rimanere competitivi ed essere pronti ad affrontare al meglio le sfide del futuro, il mercato europeo del fotovoltaico deve reinventarsi se vuole mantenere la sua posizione di principale competitor a livello internazionale. Ne è convinto il Consorzio X-GWp – nato dalla collaborazione tra diversi istituti di ricerca europei e compagnie del settore – che sta lavorando alla ricerca di nuove strade in grado di rilanciare il fotovoltaico europeo a livello mondiale.

Al fine di rinnovare e mantenere alta la competitività dell’industria manifatturiera europea nel campo del fotovoltaico, dunque, questo consorzio, cui aderiscono diversi istituti come il Fraunhofer ISE, il National Solar Energy Institute (INES) e lo Swiss Center for Electronics and Microtechnology (CSEM), sta lavorando per introdurre anche nel Vecchio Continente, un po’ come già avviene in Cina, il concetto di fabbrica di scala multi-gigawatt.

Secondo l’istituto di ricerca Fraunhofer ISE, infatti, la preminente posizione acquisita dal mercato europeo a livello globale può essere preservata soltanto attraverso un nuovo metodo di produzione che sia in grado di soddisfare le esigenze della domandaSi stima che il mercato mondiale raggiungerà i 45W nel 2014, con previsioni di 100 GW per il 2020. Il progetto vuole dunque contribuire a restituire competitività al settore europeo fotovoltaico in un momento in cui la domanda globale ha ripreso velocità”afferma il Fraunhofer in un comunicato.

Guardare avanti, considerando le prospettive e le previsioni abbastanza positive, cercando di affrontare al tempo stesso un presente che risulta oggi più duro che mai: “I produttori europei di celle e moduli fotovoltaici stanno avendo serie difficoltà nel sopravvivere alla attuale crisi industriale. Gli istituti di ricerca, gli impianti manifatturieri e i materiali di produzione fotovoltaici europei rimangono tuttavia all’avanguardia”.

Cosa frena, quindi, la ripresa del settore, se la ricerca e le tecnologie impiegate nella produzione risultano tra le migliori al mondo?  “La mancanza di una collaborazione commerciale in ambito europeo – fa notare il Fraunhofer Institute – sta mettendo sempre più a rischio l’indipendenza e l’esistenza delle aziende. Per tale motivo, il consorzio X-GWp sta rispondendo alla sfida con questo concetto innovativo”.

La fabbrica di scala, insieme naturalmente a un quadro normativo adeguato e lungimirante, potrebbe essere la soluzione per fornire nuova linfa al settore fotovoltaico, così da renderlo, come auspicato, un comparto estremamente importante nell’ambito dell’economia europea: la fabbrica di scala multi-gigawatt rappresenterebbe infatti una fondamentale risorsa per aprire nuovi interessanti scenari, come ad esempio la limitazione delle importazioni di energia dall’estero, ma soprattutto, l’avvio di un processo di esportazione dei prodotti solari in mercati globali destinati a una forte espansione.

Articoli correlati:

Fotovoltaico giapponese cresce di quasi 4GW tra aprile e ottobre 2013

Usa, fotovoltaico: nuova capacità installata record nel mese di ottobre

Fotovoltaico, vetro solare cinese: dazi antidumping fino al 42,1%

Previsione fotovoltaico 2014: analisi IHS stima incremento di 41GW

Empower: Upsolar aderisce al fondo per gli investimenti nelle rinnovabili

Arabia Saudita: fotovoltaico fonte di energia e di grandi opportunità

Photo Credits: Sandia Labs – Randy Montoya (Flickr)

Rispondi